Crea sito

Le Necropoli

Le Necropoli

La necropoli in archeologia è un insieme di tombe, molte volte (spesso) disposte sul terreno in modo disordinato e altre volte ubicate all’interno di un complesso funerario, disposto in base ad un piano urbanistico (di quei giorni) che oggi noi chiamiamo cimitero.                                                       

L’architettura e le caratteristiche delle tombe, presentano differenze sostanziali a seconda delle epoche di costruzione, del grado di civiltà di quel popolo, delle credenze religiose, che tra l’altro l’hanno sempre influenzato.

Nei  luoghi in cui sono insistite diverse popolazioni nei secoli, sono coesistite naturalmente le diverse sepolture, anche con la distruzione di quelle più antiche. anti

 Le tombe sono state classificate in base al tipo, alla forma, al fondo, al rivestimento interno, alla copertura e alla posizione. (sopra o sotto il terreno).                                                                                                                                                                               

Tra i tipi più noti di tombe:

  • tomba a camera ipogea                       (VII – IV secolo a.C.),
  • tomba a cappuccina                            (età imperiale),
  • tomba a cassone o a sarcofago          ( VII – V secolo a.C.),
  • tomba a dado o a cubo                        (VI – II secolo a.C) ,
  • tomba a edicola                                   (VI – V secolo a.C),
  • tomba a enchytrismos, (vaso)              (preistoria- inumazione bambini)
  • tomba a fossa                                      (VIII – V secolo a.C.),
  • tomba a grotticella o a forno,                (III a.c.  età del bronzo
  • tomba a pozzetto                                  (X – VI secolo a.C)
  • tomba a tholos                                      (Tardo periodo orientalizzante),
  • tomba a tumulo                                     ( VIII – VI secolo a.C.)
  • tombe a colombario                              (dal III secolo a.C)
  • tombe a pozzo                                       ( II – I secolo a.C.)

                                                                                                                                       

Il corpo del defunto, prima di essere collocato nella tomba, era preparato nei modi e in base alla cultura di appartenenza, ad esempio mummificazione, cremazione, inumazione.                                     

Concezio Rosa segnalava alcuni sepolcri dell’età del ferro rinvenuti sulle colline di Cologna.

Forse identificabili con quelli menzionati dal De Nino ubicabili genericamente nell’area di case mazzarosa a nord di cologna e da cui vennero recuperati alcuni vasi di bronzo e frammenti di un cinturone.                        

Segnalazioni del De Nino di necropoli in località San Martino presso Bozzino .

Riferito nelle descrizioni (dopo il 1863) dallo storico abruzzese Antonio DE NINO (1833 – 1907)   : In località CARDINALE ,durante lavori agricoli fu scoperto in questo luogo una necropoli di sepolture alla CAPPUCCINA, purtroppo furono manomesse numerose tombe, altre distrutte e i contenuti sicuramente portati via. 

Le tombe alla cappuccina ( età imperiale) prendono il nome dalla loro forma, che ricorda il cappuccio del frate. La tomba è composta da una copertura di tegole (o lastroni di pietra) posti ai fianchi della salma e uniti al vertice. Un corredo funerario veniva posto all’interno, di questa semplice sepoltura, certamente appartenuta ad una classe sociale molto povera.       

            

Riservato Guide del Borsacchio. Ernesto Mattiucci

 

 

1 Condivisioni