Crea sito

Le Torri Costiere

Le Torri Costiere

IN ABRUZZO ULTRA (dal Tronto a Città s.Angelo)

L’Abruzzo ultra nel XV secolo faceva parte del regno di Napoli.

La necessità di difendersi dalle innumerevoli incursioni saracene  corsare, lungo tutto la fascia costiera del regno di Napoli (comprese le nostre)  furono edificate delle torri, che avrebbero costituito il primo sistema difensivo e nello stesso tempo di avvistamento e comunicazione.

Da ogni torre si scrutava il mare e le due torri adiacenti, sempre pronti in caso di allarme ad inviare segnali luminosi e di fumo, per trasmettere un messaggio o richiedere aiuto.

Alcuni militi svolgevano il servizio di controllo e vigilanza sulla torre, altri svolgevano il servizio di cavallaro (militi a cavallo che vigilavano sulla costa tra una torre e l’altra) qui da noi dal Tordino al Vomano.

Tutti i paesi costieri dovevano contribuire finanziariamente e con militi allo svolgimento del servizio.

Le torri venivano costruite a forma di tronco di piramide ad un solo piano, con zona superiore chiusa da merlatura con caditoie sorrette da beccatelli, funzionante da piazzola per i mezzi d’artiglieria. Seppure molte delle torri costiere si presentavano come costruzioni degli ultimi secoli del periodo medievale, molte di esse furono costruite su sistemi difensivi antichi già esistenti , continuandone la funzione.

Nel nostro territorio, tra il fiume Tordino e quello del Vomano, furono costruite due torri costiere esattamente nel 1568, una sulla sponda sinistra sulla foce del fiume Tordino, nel territorio dell’attuale  Giulianova, a 500 m ad est del ponte della ferrovia (Localizzazione IGM  134 III S O Torre C3, P3)  di cui nel 1950 erano ancora visibili i ruderi,  l’altra sulla sponda sx del Vomano nel territorio di Roseto in seguito distrutta.(al momento non si conosce l’anno)                                             

Nel 1812 la torre del Tordino fù distrutta da un alluvione di grosse proporzioni, che avvenne nella zona e ricordato in memorie.

Guide del Borsacchio – Ernesto Mattiucci

1 Condivisioni